ACCONTO CEDOLARE SECCA

    

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per calcolare rapidamente l' acconto della Cedolare Secca da versare nel 2013 inserisci l'importo della cedolare calcolato sui redditi da locazione percepiti nel 2012, come risulta dal rigo RB11 (colonna 3) del modello UNICO.
Cliccando sul bottone [Calcola], saranno visualizzate le scadenze relative alle rate di acconto con l'indicazione degli importi da versare e dei codici tributo da utilizzare nel modello F24.
Per ciascuna scadenza calcolata è disponibile inoltre il bottone per salvare la data direttamente in Google Calendar.

Riportiamo un estratto della nota pubblicata dall'Agenzia delle Entrate in materia di cedolare secca e detrazioni d'imposta:

 

"...il reddito assoggettato a cedolare deve essere compreso nel reddito ai fini del riconoscimento della spettanza o della determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo collegati al possesso di requisiti reddituali (determinazione dell'Isee, determinazione del reddito per essere considerato a carico ecc.)".

NOTE

- se è stato compilato il rigo RS37 relativo all'agevolazione ACE, al reddito per detrazioni va aggiunto l'importo indicato nella colonna 11 del rigo RS37.
- gli importi inseriti e la detrazione calcolata sono sempre arrotondati all'euro superiore o inferiore come indicato dall'Agenzia delle Entrate;
- il calcolatore accetta anche importi con le migliaia separate dal punto (utile ad esempio per fare copia-incolla).
- utilizzate la virgola come separatore dei decimali.

 

 

PROROGA DEI VERSAMENTI per GLI STUDI di SETTORE

Il Ministero delle Finanze, con il comunicato n. 94 del 13 giugno 2013 ha prorogato all'8 luglio 2013 la scadenza ultima per il versamento senza maggiorazione delle imposte Irpef, Ires, Cedolare Secca, Ivie e Ivafe, per i soli contribuenti che esercitano attività per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.
La scadenza con maggiorazione dello 0,40 % slitta al 20 agosto 2013 per effetto della sospensione dei versamenti prevista per legge dal 1° al 20 agosto di ogni anno.
Per i contribuenti non interessati dalla proroga l'acconto della cedolare secca deve essere versato entro il termine canonico indicato da questa applicazione.
Per maggiori informazioni sulla proroga leggi l'articolo pubblicato.

Come si versa la Cedolare Secca

La Cedolare Secca, così come la altre imposte sui redditi, va versata utilizzando ilmodello F24.

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:

1842:

Saldo cedolare secca

1840:

Acconto cedolare secca prima rata

1841:

Acconto cedolare secca ceseconda rata o unica soluzione

Quando è dovuto l'acconto sulla Cedolare Secca

L'acconto sulla Cedolare Secca è dovuto se l'imposta calcolata in un determinato anno (riferita ai redditi da locazione percepiti nell'anno precedente), è superiore a € 51,65.
Con riferimento al Modello Unico, per stabilire se l'acconto sulla cedolare secca è dovuto o meno, occorre controllare l'importo indicato nel rigo RB11 (colonna 3).
In pratica, dato che gli importi indicati nei modelli di dichiarazione sono arrotondatiall'euro superiore o inferiore, l'acconto è dovuto se l'importo del rigo RB11 (colonna 3) è maggiore o uguale ad € 52.

Come si calcola

L'acconto da versare sulla cedolare secca è il 95% dell'importo indicato nel modello UNICO.
L'acconto deve essere versato in una o due rate, in base all'importo:

 

- versamento unico, entro il 30 novembre, se l'acconto non supera 257,52 euro.
- due rate, se l'acconto è pari o superiore a 257,52 euro:
  1) la prima rata pari al 40% entro il 16 giugno (insieme al saldo),
  2) la seconda rata (il restante 60%) entro il 30 novembre.

 

Rateizzazione

Il saldo e la prima rata di acconto della cedolare secca possono essere pagati in rate mensili mentre l' acconto di novembre deve essere versato in unica soluzione.
In ogni caso, i versamenti rateali devono essere completati entro il mese di novembre (v. applicazione per la rateizzazione delle imposte).

 

Arrotondamenti

Gli importi delle imposte che scaturiscono direttamente dalla dichiarazione devono essere versati arrotondati all' unità di euro (nella dichiarazione non sono ammessi i centesimi).
Viceversa, se l'ammontare indicato in dichiarazione deve essere successivamente elaborato (ad esempio per calcolare acconti o rateazioni) prima di essere versato, si applica la regola generale dell' arrotondamento al centesimo di euro (es. euro 6.000,752 arrotondati diventano euro 6.000,75; euro 6.000,755 arrotondati diventano euro 6.000,76; euro 6.000,758 arrotondati diventano euro 10.000,76) trattandosi di importi da indicare direttamente nel modello di versamento F24.

 

 

La Cedolare Secca

Si tratta sostanzialmente di un'imposta sostitutiva dell'Irpef sui canoni di locazionepercepiti nel corso dell'anno.
Con questa imposta, che può essere scelta o meno del contribuente, anziché calcolare l'Irpef sui redditi da locazione, si applica un'aliquota fissa del 21% (o 19%).
Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina: convenienza della cedolare seccadove è disponibile, tra l'altro, un simulatore per valutare con buona approssimazione la convenienza fiscale nell'adottare questo tipo di tassazione.

 

Saldo e acconto della Cedolare Secca: le scadenze

L' importo a saldo della cedolare secca relativo all'anno precedente e l' eventuale prima rata di acconto per l'anno in corso devono essere versati entro il 16 giugno dell'anno in cui si presenta la dichiarazione.
E' possibile versare sia il saldo che la prima rata di acconto entro i successivi 30 giornicon una maggiorazione dello 0,40%.
La scadenza per la seconda rata o per il versamento in un'unica soluzione dell' acconto è il 30 novembre dello stesso anno.
Si ricorda che se una scadenza cade di sabato o in un giorno festivo il giorno ultimo per il versamento slitta automaticamente al primo giorno lavorativo successivo.

 

© 2018 Sodale Juris . Associazione Forense